SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE

L’esperienza di Campus Molinatto si struttura come luogo di attenzione al bambino\ragazzo e alla realtà mediante il lavoro di insegnamento-apprendimento delle materie. La didattica è giocata sui principi della personalizzazione: ogni avventura educativa tiene conto dei livelli di preparazione, della storia di ognuno e propone una sequenza progressiva e sensata di passi a misura dell’alunno, tesa a lanciarlo nella avventura della conoscenza e a sviluppare e far emergere le reali potenzialità.

Dote Scuola

Presso il Campus Molinatto è possibile usufruire di “Dote Scuola”, aiuto concreto per l’educazione di giovani, mediante i suoi componenti:

  • Buono Scuola, finalizzato a sostenere gli studenti che frequentano una scuola paritaria o statale che preveda una retta di iscrizione e frequenza per i percorsi di istruzione;
  • Contributo per l’acquisto di libri di testo, dotazioni tecnologiche e strumenti per la didattica, finalizzato a sostenere la spesa delle famiglie nel compimento dell’obbligo scolastico, sia nei percorsi di istruzione che di istruzione e formazione professionale.

Sostegno agli studenti disabili

Il contributo dato da Regione Lombardia alle SCUOLE primarie, secondarie di primo grado e secondarie paritariedestinato a sostenere la frequenza da parte di studenti disabili residenti in Lombardia.

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

In linea con la normativa vigente (Direttiva Ministeriale 27/12/12), la scuola si impegna a creare una cultura inclusiva e a favorire il successo formativo degli studenti con bisogni educativi speciali (BES). A tale scopo all’interno della nostra scuola è stato istituito un Gruppo di Lavoro per l’Inclusività (GLI) che approfondisce le problematiche relative agli studenti con bisogni educativi speciali, le metodologie didattiche specifiche e le modalità di aggiornamento dei docenti. È lo stesso Gruppo che, in sinergia con il Collegio Docenti, redige il Piano Annuale dell’Inclusività (PAI) dove vengono esplicitati gli ambiti di intervento al fine di favorire e potenziare gli apprendimenti, adottando strategie didattiche più adeguate ai reali bisogni degli alunni. Al termine dell’anno scolastico, il GLI valuta i traguardi e gli obiettivi raggiunti, aggiornando il PAI.

Per gli alunni che presentano difficoltà certificate si provvede alla stesura del Piano Educativo Individualizzato che ha come finalità un cammino educativo e didattico che li renda capaci di far da sé e faccia loro acquisire conoscenze che valorizzino le potenzialità di ciascuno, grazie anche alla presenza di educatori ed insegnanti di sostegno competententi che seguono il ragazzo, per le ore previste , nel lavoro di classe e in un lavoro individuale.

Particolare attenzione è posta alla finalità di sviluppare, in tale percorso, tutte le potenzialità dell’alunno riguardo anche ad una scelta adeguata dopo la classe terza, grazie anche alla progettazione di attività laboratoriali che sviluppino abilità e competenze legate alle capacità e agli interessi del singolo, favorendo la socializzazione e l’integrazione.

Per i ragazzi con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA), vengono messe in atto strategie didattiche che permettano di sviluppare tutte le loro potenzialità. A tale scopo viene predisposto un Piano Didattico Personalizzato, che prevede «l’uso di una didattica individualizzata e personalizzata, con forme efficaci e flessibili di lavoro scolastico che tengano conto anche di caratteristiche peculiari del soggetto (…) adottando una metodologia e una strategia educativa adeguate» (Legge 170/2010).

Per i ragazzi che presentano Bisogni Educativi Speciali di altra natura («svantaggio socio-culturale, disturbi evolutivi specifici, difficoltà derivanti dalla non conoscenza della cultura e della lingua italiana perché appartenenti a culture diverse») la nostra scuola elabora un percorso personalizzato attraverso la stesura di un Piano Didattico Personalizzato.